Come si fa ad ottenere una carta di credito prepagata? Procedure e informazioni utili

993

Indice dei contenuti

Tra gli strumenti finanziari a disposizione degli utenti vi è la carta di credito prepagata, una particolare tipologia che si differenzia dalla tradizionale carta di credito a saldo. Questa carta, che può avere o meno un codice IBAN,  in ogni caso non è collegata al conto corrente intestato, per cui funziona come una sorta di salvadanaio virtuale a cui attingere per fare acquisti on line e nei negozi fisici, prelievi e pagamenti, sia in Italia che all’estero. Come si evince dal termine, la carta di credito prepagata è ricaricabile, sebbene esista anche in versione usa e getta, per cui ogni volta che lo si desidera si immette del denaro nella tessera per utilizzarla comodamente senza ricorrere ai contanti.

Dove richiedere la prepagata

Come posso ottenere una carta di credito prepagata ricaricabile? Esistono due strade facilmente percorribili. La più consueta e tradizionale prevede di recarsi presso lo sportello dell’ istituto di credito prescelto, compilare i moduli necessari e allegare copia del documento d’identità e codice fiscale. A seconda della banca la procedura può lievemente cambiare, ma i passi da seguire in genere sono questi e una volta attivata la prepagata è pronta ad essere utilizzata. L’altra modalità di acquisizione

prevede di inoltrare la richiesta on line attraverso il sito indicato, che può essere quello ufficiale dell’istituto di credito o quella di una società emittente collegata ad essa, a seconda del caso. La tessera giungerà entro pochi giorni e per attivarla in genere basta digitare un codice PIN dal cellulare o dal computer.

Requisiti richiesti

Chi può richiedere una carta di credito prepagata? I requisiti previsti sono quelli basilari di qualsivoglia operazione di natura finanziaria, ovvero

  • Avere maggiore età
  • Essere in possesso della cittadinanza italiana (o europea)
  • Non è necessario avere un reddito dimostrabile o un conto corrente intestato

Di fatto sul mercato esistono numerose tipologie di carta di credito prepagata che si rivolgono alle platee più differenziate possibili, per cercare di accontentare ogni target. Ci sono tessere che offrono vantaggi a lavoratori e professionisti, quelli che prevedono un limite di età o che al contrario sono particolarmente adatte agli anziani, abbiamo anche le carte prepagate per minorenni, intestate a loro ma che devono essere richieste da un genitore come garante. Non mancano infine anche prepagate anonime per chi vuole utilizzare in maniera discreta un capitale.

Quali sono i vantaggi?

Indubbiamente una carta di credito di questo tipo si rivela uno strumento finanziario molto duttile e flessibile, che aumenta il comfort di chi vuole gestire i propri risparmi senza ricorrere al contante. In genere tutte le prepagate valide in Italia e all’estero appartengono al circuito Visa o Mastercard, i due più importanti e diffusi al mondo, per cui non vi sono grosse limitazioni di utilizzo, e qualunque operazione avviene tutelando la sicurezza grazie a microchip e sistemi tecnologici altamente sofisticati, che rendono difficili addebiti indesiderati. Tra i vantaggi di una carta di credito prepagata segnaliamo

  • Larga possibilità di utilizzo on line
  • Gestione comoda dei risparmi avendo sempre sotto controllo il saldo
  • Valida alternativa a prestiti e altre modalità di accesso al credito
  • Mantenimento dell’anonimato sui propri dati
  • Responsabilizzazione dei più giovani all’uso del denaro

Alcune carte prepagate offrono inoltre sconti e promozioni legate alloro utilizzo, che rendono ancora più conveniente una gestione finanziaria attraverso strumenti di questo tipo. Una branca specifica di carte prepagate inoltre è dotata un codice IBAN pur non essendo legata al conto corrente, per cui permettono di compiere operazioni utili come invio e ricezione bonifici, accreditamento stipendio o altro.

I costi di una carta prepagata

Nella pluralità di carte prepagate in circolazione esistono anche differenziazioni sui costi da sostenere, per cui vi sono tessere che risultano essere più economiche e adatte a un certo target di riferimento, ed altre maggiormente costose ma che offrono anche servizi e funzioni aggiuntive. Ma quali sono le voci di costo e le spese che si devono sostenere? In genere abbiamo

  • Costo di attivazione
  • Canone mensile o annuale
  • Commissioni per prelievi e pagamenti (POS, ATM, valuta estera)
  • Spese di ricarica

Alcune di queste voci possono essere azzerate, mentre possono essere presenti anche costi ulteriori legati però a servizi esclusivi. Le carte di credito prepagate hanno poi dei limiti di utilizzo, come un tetto massimo di capitale, limitazioni sui prelievi giornalieri o mensili, una ricarica di importo minimo, variabili a seconda della banca emittente. Prima di decidere di acquistare una carta di credit prepagata, suggeriamo di fare un confronto on line sulle condizioni offerte, in modo da valutare costi e limitazioni presenti nei vari prodotti sulla scorta delle proprie necessità di utilizzo.

Come effettuare la ricarica

Esistono diversi metodi per ricaricare una carta di credito prepagata, come sempre variabili a seconda del prodotto. Possiamo effettuare l’operazione mediante

  • Bonifico da conto bancario e/o postale
  • Altra carta di credito
  • Sportello bancario
  • Centro specializzato (es. Lottomatica)
  • ATM dell’istituto di credito (o altra banca)
  • Sito on line

L’operazione di ricarica può essere gratuita o prevedere una commissione, specialmente se si utilizzano i contanti, che in genere non supera 1,5-2 euro. La ricarica in genere prevede anche un importo minimo e uno massimo che si può immettere nella prepagata, fino al raggiungimento del plafond. Infine ricordiamo che esistono anche carte prepagate usa e getta per cui, una volta caricata, la si utilizza fino all’esaurimento dei fondi presenti.

Conclusioni

La richiesta di una carta di credito prepagata è in vertiginoso aumento negli ultimi anni, poiché possiede un grado di duttilità superiore rispetto alla tessera standard a saldo, che è connessa inevitabilmente al conto corrente. Bisogna imparare ad usarla con intelligenza e accortezza, poiché un uso intensivo potrebbe rendere poco conveniente il costo delle continue ricariche, ma per il resto questo strumento finanziario ha molti vantaggi ed opportunità, inoltre essendo collegabile a un sito web della società emittente possiamo sempre verificare il saldo disponibile, e fare tutte le operazioni semplicemente grazie all’ausilio di uno smartphone.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate