Quali sono le migliori carte di credito a costo conveniente? Tutto quello che c’è da sapere, confronti e vantaggi

571

Indice dei contenuti

Sono molte le cose da sapere per valutare quali siano le migliori carte di credito in circolazione ed è importante conoscere tutti i costi che talvolta non sono messi in evidenza nelle pubblicità. Analizziamo quello che conta e confrontiamo le caratteristiche di alcune carte per fare una scelta oculata e spendere meno possibile.

Le migliori carte di credito a seconda del circuito di pagamento

Solitamente per scegliere le migliori carte di credito si tiene in considerazione il conto corrente e la maggior parte delle persone accetta la carta di credito offerta dalla banca. Questa soluzione va benissimo se non si hanno esigenze particolari e la carta soddisfa per costi e funzionalità le attività per le quali sarà usata.

Le caratteristiche da guardare sulle carte di credito delle banche sono il canone mensile, i limiti di spesa, i costi delle commissioni e la possibilità di usarle su Internet, nei negozi fisici in Italia e fuori dall’Italia.

A volte conviene fare il contrario, ovvero scegliere il conto corrente in base alla carta di credito che offre e in certi casi la carta di credito è completamente scollegata dal conto corrente. Una cosa da sapere per tutti i tipi di carte di credito esistenti è il circuito di pagamento.

È importante perché non tutti sono accettati ovunque. I circuiti di pagamento più conosciuti sono Visa e MasterCard, sebbene siano molto diversi tra loro. Entrambi dipendono dalla banca, ovvero le spese e i servizi relativi sono quelli che offre l’istituto di credito. Sono i due circuiti più diffusi e accreditati in Italia e all’estero per comprare su Internet e nei negozi fisici. Una differenza abbastanza significativa sono gli sconti che si ottengono sul canone delle carte con un plafond elevato.

Visa, MasterCard, Diners, American Express

Le condizioni delle carte di credito Visa e MasterCard dipendono dall’istituto di credito che le offre insieme al conto corrente o slegate dal conto corrente. È importante conoscere le condizioni di utilizzo delle carte all’estero. Soprattutto per chi viaggia molto le spese su prelievi e pagamenti sono fondamentali, perché le commissioni sul tasso di cambio a volte sono elevatissime.

Il circuito Visa è più diffuso a livello mondiale e accettato quasi ovunque.

Per prelevare denaro in contanti all’estero Visa ha tassi di cambio inferiori rispetto a MasterCard e vi sono più sportelli di prelievo Visa piuttosto che MasterCard. Come abbiamo detto, esistono circuiti a parte che non sono collegati a nessuna banca come American Express e Diners. Queste aziende emettono carte di credito senza bisogno di avere un conto corrente, o meglio, avendo un conto in qualsiasi banca.

I circuiti sono meno diffusi rispetto a Visa e MasterCard e può capitare che non siano accettate in un negozio fisico oppure on-line. Diners spesso si appoggia al circuito MasterCard. Queste carte sono indipendenti dalle banche e quindi guadagnano sugli interessi e sulle commissioni. Sono molto care specialmente se paragonate ai circuiti collegati alle banche.

Hanno costi superiori, ma offrono programmi lussuosi come l’accesso a sale relax negli aeroporti o l’accumulo di chilometri da poter spendere in viaggi aerei e privilegi di alto livello. Sono carte che non hanno un limite di spesa a differenza delle carte di credito tradizionali. Per poter ottenere una carta di credito Diners o American Express bisogna avere un alto reddito, non essere segnalati come cattivi pagatori e possedere altre caratteristiche al top che fanno valutare alle società se concedere o meno la carta di credito.

Carte di credito Nexi

Una volta si chiamava CartaSi ed oggi in Italia esiste Nexi, che è una carta di credito a disposizione di tante banche partner. Anche in questo caso i costi sono decisi dalla banca che la offre. La carta si può anche richiedere direttamente alla società e appoggiarla su qualsiasi conto corrente italiano. Le carte di credito Nexi usano i circuiti MasterCard e Visa e si può decidere quale dei due usare.

La carta Nexi, sia che venga richiesta direttamente alla società oppure alla propria banca, si gestisce attraverso l’applicazione sullo smartphone oppure sul portale Internet.

Si può fare la spesa on-line in tutta sicurezza grazie ad un sistema di verifica molto affidabile. Esistono altri circuiti di carte di credito ma è importante soprattutto conoscere i costi e il plafond, che è il limite di spesa mensile, chiamato talvolta fido. Per concedere una carta di credito le banche tengono conto di molte cose, in particolare la situazione finanziaria perché in sostanza anticipano dei soldi che verranno ripagati successivamente.

È necessario che un cliente abbia la possibilità di ripagare il credito concesso per poter usare una carta di credito e, a seconda del reddito percepito, viene proposto un plafond più o meno elevato. In genere il plafond standard per un privato è di 1.500 euro e per quelli più alti sono spesso incluse assicurazioni e servizi esclusivi.

Limiti di spesa e commissioni delle carte di credito

Per le aziende il plafond è molto più alto, mediamente di 25.000 euro mensili e naturalmente con l’aumento del limite di spesa e dei servizi aumenta anche il canone. Per mantenere le carte di credito ci sono delle spese fisse tra le quali per l’appunto il canone. Se la carta è insieme a un conto corrente solitamente è gratis, negli altri casi il canone varia da 30 a 150 euro l’anno.

Oltre al canone bisogna pagare l’imposta di bollo che è di 2 euro ogni volta che si spende una cifra superiore a 77,46 euro.

Spesso l’imposta di bollo è pagata dalla banca e non è prevista nelle carte di credito prepagate. Le commissioni sono le spese su ogni transazione, ovvero acquisti fatti su Internet o nei negozi fisici. Di solito la commissione è dello 0,3% sulla spesa ma può essere anche superiore. All’estero ad esempio le commissioni sono molto più alte, soprattutto fuori dall’area euro.

I tassi di cambio applicati prelevando contanti agli ATM esteri sono diversi a seconda delle carte di credito, ma comunque sempre piuttosto alti. Chi viaggia spesso deve tenere in considerazione queste spese perché a volte sono davvero cospicue. Un’altra cosa importante che differenzia le carte di credito è la modalità di rimborso delle spese: può essere a saldo, rateale, revolving o prepagata.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate