Come funziona una carta di credito aziendale? Informazioni e spiegazioni utili

848

Indice dei contenuti

Una carta di credito aziendale, chiamata anche carta business, è necessaria a qualsiasi tipo di ditta piccola o grande che sia. Le carte di credito aziendali servono per gestire i pagamenti, i rimborsi ai dipendenti, le spese e molto altro. Le transazioni sono facilitate ed è possibile monitorare entrate e uscite e garantire vantaggi e semplicità d’uso a tutto lo staff.

Carta di credito aziendale e carta prepagata

Grazie ad una carta di credito aziendale, un dipendente può pagare direttamente con la stessa, piuttosto che farsi rimborsare i soldi anticipati per le spese di lavoro. Esistono diversi tipi di carte aziendali e bisogna scegliere a seconda delle proprie esigenze. La carta di credito aziendale è uno strumento utilissimo per imprese di qualsiasi dimensione e per i liberi professionisti.

Ci sono carte di credito aziendali fisiche, virtuali o contemporaneamente di entrambi i tipi, carte prepagate e carte di debito aziendali. Ogni tipologia è diversa per servizi offerti, prezzo e caratteristiche.

Le carte di credito aziendali sono nominative, hanno un IBAN e consentono di usare una somma di denaro più elevata rispetto al saldo del conto corrente della ditta. Le tariffe, il canone e le commissioni sono più alte delle altre tipologie. Ovviamente le carte di credito aziendali sono legate a un conto corrente e alcune hanno un design particolare.

Le carte prepagate ricaricabili consentono di usare solamente il denaro che è caricato su di esse e non sono accettate per certi tipi di pagamento. Questo è un problema, perché se un dipendente si trova in viaggio per motivi di lavoro non può avere la massima libertà. Ad esempio è molto difficile che una carta prepagata aziendale sia accettata per noleggiare una macchina.

Carte di debito aziendali

Le carte di debito aziendali sono accettate per ogni genere di pagamento e possono usare solamente il denaro già presente sul conto corrente aziendale. Esattamente come una carta di credito aziendale, anche quelle di debito hanno un conto da cui attingere che le rende una soluzione ideale per professionisti e piccole imprese.

Tutte le carte sono legate a un circuito e i migliori sono MasterCard e Visa, accettati in tutto il mondo e sicuri per ogni transazione.

Altre caratteristiche delle carte di debito, di credito e prepagate, sono la possibilità di essere contactless, ovvero non aver bisogno di digitare il PIN per somme inferiori a 25 o 50 euro quando si paga tramite il POS. La scelta della carta di credito aziendale non è semplice e bisogna valutare diverse cose nell’ambito della propria attività per ottenere l’articolo che faciliti e ottimizzi l’amministrazione di tutte le spese.

La carta di credito aziendale deve servire per semplificare il controllo dei pagamenti e gestire i conti, oltre che offrire autonomia ai dipendenti. Per analizzare tutte le caratteristiche delle carte di pagamento aziendali è opportuno controllare prima di tutto gli interessi della banca, le tariffe, un’eventuale canone e tutte le funzioni presenti.

Cosa valutare per la scelta di una carta di credito aziendale

Alcune carte di credito aziendali offrono sconti e servizi utili oppure cashback presso negozi partner. Non bisogna lasciarsi incantare dagli sconti e dai bonus, ma piuttosto scegliere quella che ha le commissioni minori e la possibilità di spendere di più con meno spese aggiuntive.

Si devono avere ben chiari gli obiettivi che dovrà avere la carta di credito aziendale e conoscere tutte le caratteristiche di cui si ha bisogno.

Abbiamo detto che la carta deve semplificare la gestione delle spese, dei pagamenti ai dipendenti, dei soggiorni fuori sede, l’acquisto di carburante e i noleggi durante le trasferte di lavoro. Esistono delle carte specificatamente studiate per gestire le spese carburante e si chiamano appunto carte carburante. La carta carburante è una carta di credito aziendale intestata al dipendente con la quale può pagarci le spese della benzina o del gas durante i viaggi di lavoro.

Ci sono anche delle carte aziendali più adatte a noleggiare un’auto, cosa spesso necessaria quando un dipendente è fuori sede. Chi lavora all’esterno dalla ditta deve essere autonomo e potersi muovere senza problemi per quel che riguarda i pagamenti di soggiorni, pasti e auto noleggiate. Alcune carte di debito sono accettate per noleggiare un’auto, tuttavia sono preferite le carte di credito e le carte prepagate sono quasi sempre rifiutate.

I servizi necessari di una carta di credito aziendale

Vi sono numerose soluzioni che consentono di gestire al meglio le spese di lavoro, ad esempio le carte business sono spesso collegate a un software di contabilità, i bonifici sono facilitati, così come l’inserimento delle note spese e il monitoraggio dei pagamenti quotidiani.

L’amministrazione finanziaria è semplificata da queste tipologie di carte, che sono sempre legate a un conto corrente aziendale.

Le carte aziendali, come qualunque altro tipo di carta di pagamento, sarebbe opportuno che fossero dotate di assistenza e assicurazione. Ovviamente non tutte le carte offrono questi servizi e, se lo fanno, costano parecchi soldi.

Ad una carta di credito aziendale come si deve non può mancare l’assicurazione sul viaggio contro infortuni, furto e smarrimento bagagli o anche in caso di decesso. Può essere utile soprattutto per certe attività commerciali che comportano dei rischi. In ogni caso l’assistenza telefonica è indispensabile, così come un’assicurazione che copra i danni durante il viaggio, il ritardo degli aerei o dei treni, lo smarrimento dei bagagli, i furti ed eventuali spese extra se ci si trova in paesi problematici.

Conclusioni

In conclusione una carta di credito aziendale è una tipologia specifica di carta di credito destinata alle piccole, medie e grandi imprese, ma non solo, è adatta anche ai liberi professionisti, alle startup e alle partite IVA in generale. Queste carte si chiamano anche business e consentono di avere sempre sotto controllo tutte le spese dell’impresa e di usare meno possibile assegni e denaro contante.

Le operazioni finanziarie di contabilità e il pagamento dei collaboratori grazie ad una carta di credito aziendale sono velocizzate al massimo.

Con essa si possono pagare i fornitori, oltre che controllare le spese dei dipendenti quando sono in trasferta. Le carte business hanno funzioni appositamente studiate per questo ambito, ad esempio ci sono spesso l’addebito posticipato, l’assistenza in caso di frodi e coperture assicurative in caso di viaggi o di acquisti effettuati. Per scegliere la carta di credito aziendale adatta bisogna confrontare le spese, i costi di attivazione, il massimo prelevabile, le commissioni di prelievo e di spesa in Italia e all’estero.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate