Carta Prepagata UnionPay: opinioni, recensioni, costi, condizioni, guida

501

UNIONPAY

UNIONPAY

Tipo: Carta prepagata

Emittente: UnionPay International

Circuito: Mastercard

Canone: 30 € / anno

Limite Spesa: NO (illimitato)

Limite Prelievo: 250 € / giorno


Vantaggi

  • Una prepagata cinese ma ottima per l'occidente
  • Carta offshore in Euro e Dollari
  • È sicura e riservata

Descrizione del Prodotto

Giunta da pochi anni sul mercato, la carta prepagata UnionPay è una proposta finanziaria cinese che ha avuto rapida diffusione a livello mondiale, tanto da superare i 6 miliardi di emissioni. Scopriamo insieme quali sono le caratteristiche principali e i vantaggi di questa carta emessa da UnionPay International e disponibile in oltre 142 Paesi in tutto il mondo.

Come richiedere la carta UnionPay

La carta può essere richiesta e ottenuta rapidamente on line su Banana00, e seguire la procedura per il rilascio. In allegato vengono richiesti

  • Copia del proprio passaporto o altro identificativo nazionale
  • Certificato di residenza o una bolletta di qualsiasi servizio attivo che mostri il proprio indirizzo di domiciliazione

Una volta completata la procedura, la carta prepagata UnionPay viene rilasciata entro le 48 ore, e non resta a quel punto che procedere con l’attivazione, che avviene in 3 semplici passaggi:

  1. Conferma dell’avvenuta consegna della carta
  2. Caricare i documenti richiesti
  3. Fare una ricarica

Le caratteristiche principali

Come abbiamo accennato, la carta UnionPay è associata a Banana00, che è un portafoglio elettronico e non il classico conto corrente. Tecnicamente viene definita questa una carta off-shore, e il denaro può essere disponibile sia in euro che in dollari: la carta può essere utilizzata

per fare prelievi e acquisti on line oppure in tutti i luoghi fisici in cui viene accettata, che sono parecchi. Quello che si spende è unicamente l’importo ricaricato, e rappresenta quindi un fondo a disposizione dell’utente che può liberamente stabilire quanto spendere per fare acquisti ed eseguire transazioni.

La carta può essere richiesta da qualsiasi utente abbia compiuto 18 anni, il quale compila il modulo con i propri dati per aprire l’account su Banana00, che gli servirà per eseguire di volta in volta le ricariche, rese facili e sicure attraverso l’ausilio del codice PIN per completare l’operazione. La carta ha una validità che va da 1 a 2 anni con opzione di rinnovo automatico.

Quali sono i costi?

Una delle chiavi del successo della carta prepagata UnionPay in tutto il mondo è che presenta molti vantaggi, ad esempio l’assenza di commissioni sulle transazioni effettuate oltre le frontiere di residenza, inoltre ha limiti elevati di prelievo e si può utilizzare liberamente presso gli sportelli automatici. Il costo iniziale per il rilascio della carta è di 40 euro, c’è anche la promozione speciale spendendo 60 euro per due carte. La ricarica minima è di 100 euro, mentre quella massima giornaliera arriva a 3.000 euro.

Riportiamo gli altri costi in dollari previsti:

  • Controllo del saldo dagli sportelli automatici: 4,15 USD
  • Prelievo sportello bancomat: 4,15 USD
  • Trasferimento denaro da una carta all’altra: 7,00 USD
  • Acquisto on line o tramite POS: 1,50 USD
  • Commissione mensile: 2,50 USD

Per la versione in euro le tariffe cambiano sulla scorta del tasso giornaliero.

I limiti della carta UnionPay

Con un plafond di 50.000 euro questa carta prepagata consente un ampio utilizzo e gestione delle finanze a disposizione, tuttavia non mancano naturalmente dei limiti di utilizzo, che riportiamo sinteticamente anche in questo caso nei valori in dollari (USD):

  • Importo massimo di transazione: 2.000 USD
  • Ricarica massima giornaliera: 10.000 USD
  • Totale delle transazioni mensili: 20.000 USD
  • Numero max di operazioni in 1 ora: 5
  • Totale transazioni accettate giornaliere: 20
  • Saldo massimo: 50.000 USD

Servizi aggiuntivi

Questa carta emessa dalla divisione internazionale della banca cinese UnionPay, e pensata per un pubblico internazionale, funziona anche per servizi che richiedono pre-autorizzazione quali ad esempio il noleggio di una vettura, oppure

per autorizzare pagamenti ricorrenti come la domiciliazione delle bollette pur non essendo una carta correlata a un conto corrente.  La carta inoltre può essere controllata e gestita tramite un’app mobile e supporta i pagamenti tramite QR code e NFC.

Secondo quanto riporta la stessa UnionPay, la carta viene accettata in circa l’80 per cento del punti vendita in Italia, e in generale in tutti quei Paesi del mondo dove è diffuso il turismo estero della popolazione cinese vi è una larga accettazione di tale carta prepagata come strumento di acquisto di beni e servizi, e per eseguire le normali transazioni di ogni giorno.

Conclusioni

Uno dei grandi punti di forza della carta prepagata UnionPay è che non è nominativa, per cui è anonima e non richiede la necessità di dimostrare la propria storia finanziaria, è molto versatile e può essere comodamente utilizzata per le necessità più disparate. Chiaramente la natura di questo strumento non è quella di altre carte più economiche, per cui i costi di gestione sono comunque non alla portata di tutti, ma riservata a una certa fascia di utenza. In conclusione si tratta di uno strumento ottimale sia per chi vuole gestire le proprie funzioni con i normali servizi di uso quotidiano, sia per chi vuole eseguire operazioni in anonimato massimizzando il livello di sicurezza rispetto al proprio piano finanziario.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate